BrokerAffidabili

BrokerAffidabili Forum Copy trading – Mirror trading – cosa sono (spoiler: reato) Reply To: Copy trading – Mirror trading – cosa sono (spoiler: reato)

#2861
Alec_2017Alec Ziculin
Participant

Se vuoi fornire un servizio di Auto-trading, Mirror-Trading (o Copytrading) nei confronti di un cittadino italiano devi essere autorizzato. Cioè devi essere o una società di investimento autorizzata, o una banca o essere iscritto all’albo dei promotori finanziari.

Potremmo sindacare se sia giusto o sbagliato (come il dover per legge pagare 200€ di notaio per concludere un accordo tra due privati) ma questa è la legge italiana (europea) in territorio italiano.

Potremmo essere maligni e complottisti e ritenere che queste disposizioni della CONSOB potrebbero derivare dalla volontà delle banche e delle società di investimento di non farsi sfuggire il primato di mercato.
Abbiamo già detto infatti che il trading è un mercato che sta esplodendo e che la gente è troppo pigra/impegnata in altre cose/incapace/etc. per riuscire a fare trading autonomamente pur volendo assolutamente provare ad approfittare di questa opportunità.

MA assieme a questa massa di persone che vogliono arricchirsi con il trading ci sono anche quelli che hanno fiutato l’affare e, incapaci di guadagnare dal trading, decidono di guadagnare sulla incapacità altrui (non sto ancora parlando di truffatori)
Lo conoscete il detto: “chi sa’, fa’ e chi non sa’ insegna” ?

Il problema è che tra queste persone ci sono da un lato quelli che realmente sanno fare trading e sanno come guadagnare col trading e dall’altro ci sono dei truffatori totali che puntano solo ai soldi delle commissioni dei clienti o degli abbonamenti o delle “donazioni”.
Ma il giovane trader sprovveduto o il trader ancora privo di una certa malizia o il trader scoraggiato dalle tante perdite, non sa come distinguerli e spesso capita nella mani sbagliate…perdendo i suoi soldi.

Quindi il legislatore, con la buona intenzione di fare gli interessi dei nuovi trader, ha limitato di molto il campo di azione inserendo l’obbligatorietà dell’iscrizione all’albo per i trader indipendenti che volessero offrire questo servizio e di fatto escludendoli completamente dal gioco.

Così praticamente solo banche e società di investimento (cioè i broker) possono dominare anche questo settore.